Home » Posts tagged 'Keynes'

Tag Archives: Keynes

Krugman vs Alesina and the Italian Stalemate – Krugman contro Alesina e l’impasse italiano

What is the economic policy of the new Italian government? I bet no one can answer this question. On the one hand, the Democratic Party (PD)-or at least some of the ministers- emphasize the importance of cutting taxes on the labor market in order to boost employment. On the other hand, B (that just stands for Berlusconi since it’s hard to believe the existence of a structural party behind him) is obsessed with the repeal of IMU (a tax introduced by Monti on real estate). The problem is that PD and B are sitting at the same table, the Government. Both, however, stress the importance of maintaining the promises made to the EU (i.e. keeping the budget in order, whatever it takes) but at the same time say we need more investments to shake up the real economy.

Well, guess what? The two policies are mutually exclusive, especially in times of crisis. We either expand spending or we cut it. We either choose Keynesian economics or we go for Austerity. This choice mirrors the debate going on between Paul Krugman and Alberto Alesina, the first being of course the Keynesian and the second the Austerian from Bocconi. Krugman criticizes Alesina and Ardagna’s paper arguing that there is no evidence that spending cuts lead to economic expansion. In the Euro area, indeed, austerity has produced the situation in the graph below:

Alesina, in turn, replied Krugman saying “My paper has never claimed that every fiscal adjustment is expansionary. It just claimed that there have been examples in which some well-designed policy packages, based on spending cuts and other measures, have been associated with a positive impact on the economy.”

As I already pointed out in my previous post, the bottom line stays the same: it’s the boom, not the slump the right time for austerity. We all know how badly Italian governments have blown up taxpayers money for the past 30 years or more, and how much money ends up in corruption. I do believe there are sectors where spending must be cut (one example above all, eliminating provinces, a useless administrative layer that sucks money and makes our infamous bureaucratic system even slower).

Yet, do we really think that lying off thousands of people right now will help boosting our economy and keep our budget in order? With an unemployment rate at 11,5% and a big credit crunch, our priority is creating employment and this is why we need more spending now. The US went that way and they are getting out of this mess. We, in Europe, are falling even deeper into it.

So what is the incumbent government doing for our economy? Absolutely nothing. First of all because of its inherent weakness (Left and Right can hardly agree on what the recipe should be, assuming they have any idea about what should be done at all). Second, because we don’t have the guts (and the credibility, since the rest of Europe laughs at us seeing Berlusconi once again) to renegotiate the Fiscal Compact within the EU.

The priorities of our politicians are clearly different. While PD proposes to ban “movements” from running for the next elections (clearly targeting the Five Stars Movement), the Five Stars can’t discuss anything else than how much their own elected MPs should spend for lunch or dinner; B, of course, has a more compelling priority in times of crisis and proposes to halve the term of imprisonment for the people charged with association with the Mafia. This will definitely help restore our economy. 

——————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Qual è la politica economica del governo Italiano? Scommetto che nessuno abbia una risposta a questa domanda. Da un lato, il PD⎯o almeno alcuni ministri⎯mettono al centro la questione della riduzione delle tasse sul lavoro al fine di sostenere l’occupazione. Dall’altro lato, B (perchè tanto è inutile di parlare di PDL dato che non c’è alcuna struttura partitica dietro di lui) è ossessionato con l’abolizione dell’IMU. Il problema è che PD e B sono seduti allo stesso tavolo, il Governo. Entrambi, tuttavia, sottolineano l’importanza di mantenere le promesse fatte all’UE (tenere i conti in ordine, a qualsiasi costo) ma allo stesso tempo dicono che abbiamo bisogno di più investimenti per dare una spinta all’economia reale.

Ebbene, indovina un po’? Le due politiche sono alternative l’una all’altra, specialmente in tempi di crisi. O aumentiamo la spesa o la tagliamo. O scegliamo una politica economica keynesiana o continuiamo con l’austerità. Questa scelta rispecchia il dibattito tra Paul Krugman e Alberto Alesina, il primo naturalmente rappresentante di Keynes e il secondo dell’austerità bocconiana. Krugman critica un paper di Alesina e Ardagna affermando che non ci sono dati empirici a testimoniare che tagli della spesa corrispondano a crescita economica. Nell’area euro, infatti, la politica di austerità ha prodotto la situazione del grafico qui sotto:

Alesina, allo stesso tempo, risponde a Krugman dicendo “Il mio paper non ha mai affermato che ogni misura fiscale porta crescita economica. Dice solo che ci sono esempi dove pacchetti politici ben strutturati, basati su tagli della spesa, hanno un impatto positivo sull’economia.”

Come ho già descritto in un post precedente, la morale della favola è sempre la stessa: il boom economico, non la recessione, è il tempo appropriato per l’austerità. Tutti noi sappiamo come i governi italiani abbiano sperperato denaro pubblico negli ultimi 30 anni o più e quant’altro denaro sia stato mangiato dalla corruzione. Anch’io credo che si debbano fare dei tagli (un esempio su tutti, le province).

Ma siamo sicuri che licenziando migliaia di persone proprio in questo momento di crisi possa aiutare la ripresa economica? Con un tasso di disoccupazione all’11,5% e in una situazione di ristrettezza del credito, la priorità è creare occupazione ed è per questo che dobbiamo aumentare la spesa adesso. Gli USA hanno preso questa strada e stanno uscendo dalla crisi. Noi, in Europa, ci stiamo sempre più dentro fino al collo.

Quindi, cosa sta facendo il nostro governo per l’economia? Assolutamente niente. Prima di tutto a causa della sua debolezza interna (Destra e Sinistra difficilmente troveranno un accordo sulla ricetta, ammesso che abbiano alcuna idea di cosa si debba fare). Secondo, perché non abbiamo gli attributi (e la credibilità, dato che ci ridono dietro in tutta Europa vedendo ancora una volta Berlusconi) di rinegoziare il Fiscal Compact a livello europeo.

Le priorità dei nostri politici sono chiaramente diverse. Mentre il PD cerca di mettere al bando i “movimenti” (ostacolando chiaramente l’M5S), l’M5S è tutto rinchiuso nella sua discussione su quanto debbano spendere per pranzo e per cena i propri eletti in Parlamento. B, naturalmente, ha un’idea ben chiara delle priorità del Paese e propone di dimezzare la pena detentiva per il concorso esterno in associazione mafiosa. Questo sì che aiuterà l’economia del nostro Paese. 

A suicidal Europe – L’istinto suicida europeo

“The boom, not the slump, is the time for austerity.” This is what John Maynard Keynes tried to teach us over 70 years ago, and we still don’t seem to have understood it at all. And when I say “we” I mean Europeans. Yes, because on the other side of the Atlantic Obama passed in 2009 the American Recovery and Reinvestment Act (ARRA), a stimulus plan of approximately $862 billion, while in Europe The Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union, better known as Fiscal Compact, entered into force on January 1.

But, let’s proceed in order. According to Keynes, an economic crisis can be killed with two weapons, monetary policy and fiscal policy. The former is in the hand of central banks, which normally expands the monetary base by cutting interest rates. In other words, central banks in the attempt to revive a stagnant economy lend money to banks (or better they buy bonds from banks) postulating that banks will throw this money back into the economy by providing funds to companies that find themselves in tight financial conditions. The latter is in the hand of governments, which could take advantage of the low interest rates to take out loans and shake up the sluggish economy. In this way the government would boost employment in the short-term and could take the opportunity to address the country’s long-term structural problems, by investing in education, public infrastructures, and renewable resources, for example.

The U.S. and EU found themselves into a liquidity trap. As Nobel laureate Paul Krugman puts it in End This Depression Now:

“Liquidity trap: it’s what happens when zero [interest rate] isn’t low enough, when the Fed has saturated the economy with liquidity to such an extent that there’s no cost holding more cash, yet overall demand remains low.”

Current interest rates in the U.S. and EU are at 0.25% and 0.75% respectively. Unemployment rate in Euro area has skyrocketed reaching 11.9% in January 2013. In contrast, in the U.S., unemployment has decreased to 7.7% in February 2013. Also, the U.S. has re-started growing while EU growth has plunged into recession. So what happened? Well, when Obama figured out that the first weapon, namely monetary policy, was out of ammo, he loaded up the second weapon and shot out a fiscal stimulus.

united-states-unemployment-rate

euro-area-gdp-growth-annual

united-states-gdp-growth

Europe is in a different position as the EU has a monetary union but not a fiscal union. Krugman clearly explains the situation as follows:

“Think of Spain as being Europe’s Florida, Ireland as being Europe’s Nevada. But the Florida legislature doesn’t have to worry about coming up with the funds to pay for Medicare and Social Security, which are paid for by federal government. Spain is on its own, as are Greece, Portugal, and Ireland. So in Europe the depressed economy has caused fiscal crises, in which private investors are no longer willing to lend to a number of countries.”

So how did EU leaders react? Well, they loaded up the fiscal gun, but they pointed it towards themselves. The bottom line for that is the complete lack of a common EU vision. Countries in good economic shape (with Germany leading the way) started wondering, “why should we use our own taxpayers money to save countries that are not able to manage their economies?” Clearly, we are not the United States of Europe. And that is exactly the problem. The argument supported by Germany&Co pushed to look at austerity as the good answer to make sure Southern European countries would get the lesson. So instead of arguing for more spending, they finger pointed troubled countries and went for tight fiscal policy. This is how we ended up with the Fiscal Compact, which is exacerbating the economic situation all across Europe. Unfortunately, we will all have to learn from this wrong economic policy since not only we are in far deeper recession, but the debt-to-GDP ratio has also increased by 5% since last year.

euro-area-government-debt-to-gdp

What we need now is spending money into sectors that will make us stronger and better-off in the long-run. In contrast, in all countries facing financial problems we have been slashing budgets for education and renewable resources, freezing money for much-needed infrastructures and raising taxes on anything that moves. We will just never get out of this crisis until we don’t understand Keynes’ very basic lesson and work towards higher political and economic integration. I want my generation to be the one of the United States of Europe.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

“Il boom economico, non la recessione, è il momento per l’austerità”. Questo è ciò che John Maynard Keynes ha cercato di insegnarci più di 70 anni fa e che sembra non abbiamo ancora per niente capito. E quando dico “abbiamo” intendo noi europei. Sì, perché sull’altra sponda dell’Atlantico, Obama ha approvato nel 2009 l’American Recovery and Reinvestment Act (ARRA), un piano di stimolo economico di circa $862 miliardi, mentre in Europa The Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic Monetary Union- meglio noto come Fiscal Compact- è entrato in vigore l’1 gennaio.

Ma procediamo per ordine. Secondo Keynes, una crisi economica può essere uccisa con due armi, la politica monetaria e la riforma fiscale. La prima è nella mani della Banca Centrale che normalmente espande la base monetaria tagliando il tasso d’interesse. In altre parole, le banche centrali nel tentativo di rivitalizzare l’economia stagnante prestano soldi alle banche (o meglio comprano i loro bonds) postulando che le banche inietteranno questi soldi nell’economia fornendo risorse alle società che si trovano in condizione di ristrettezze finanziare. La seconda è nelle mani dei governi, che possono avvantaggiarsi dei bassi tassi d’interesse per prendere a prestito capitali necessari a dare una scossa all’economia. In questo modo i governi imprimerebbero una spinta significativa alla creazione di nuovi posti di lavoro nel breve periodo e potrebbero cogliere l’occasione per affrontare i problemi economici strutturali investendo in educazione, infrastrutture e risorse rinnovabili, per esempio.

Gli USA e l’UE erano nella stessa situazione di trappola di liquidità. Nel suo ultimo libro, Fuori da questa crisi, adesso!, il premio Nobel per l’Economia, Paul Krugman, descrive il concetto come segue:

“Trappola di liquidità: è ciò che succede quando zero [riferito al tasso d’interesse] non è abbastanza basso, quando la Federal Reserve ha saturato l’economia di liquidità a tal punto che non c’è nessun costo nel tenere denaro liquido, ma nel frattempo il livello di domanda rimane basso”.

Attualmente, i tassi d’interesse di USA e UE sono rispettivamente a 0.25% e 0.75%. Il tasso di disoccupazione in area Euro è partito in orbita raggiungendo l’11.9% a gennaio 2013. Al contrario, in America il tasso di disoccupazione è sceso al 7.7% a febbraio 2013. Inoltre, negli USA l’economia è tornata a crescere, mentre in Europa è precipitata in recessione, sotto zero. Che cosa è successo quindi? Ebbene, quando Obama ha capito che la sua prima arma, la politica monetaria, aveva esaurito le pallottole, ha caricato la seconda e ha sparato lo stimolo fiscale.

united-states-unemployment-rate

euro-area-gdp-growth-annual

united-states-gdp-growth

L’Europa si trova in una posizione diversa in quanto l’UE ha un’unione monetaria, ma non una fiscale. Krugman spiega chiaramente la situazione come segue:

“Pensa alla Spagna come se fosse la Florida, l’Irlanda come il Nevada. Il corpo legislativo della Florida non si deve preoccupare di trovare i fondi per l’assistenza sanitaria o per il sistema previdenziale perché sono di competenza del governo federale. La Spagna, invece, è sola [nel dover trovare tali risorse], così come la Grecia, il Portogallo e l’Irlanda. Così in Europa l’economia depressa ha causato crisi fiscali, in cui investitori privati non se la sentono più di prestare soldi ad un certo numero di Paesi”.

Come hanno reagito i leader europei? Beh, hanno caricato la pistola fiscale, ma l’hanno puntata verso di sé. La morale della favola è che c’è una completa assenza di visione comune europea. I Paesi europei “in forma” (con la Germania in testa) hanno incominciato a chiedersi “perché dovremmo usare i soldi delle nostre tasse per salvare Paesi che non sanno come gestire le proprie economie?” Come è evidente, non siamo gli Stati Uniti d’Europa. E questo è esattamente il problema. La tesi sostenuta da Germania&Co ha portato a vedere nell’austerità la risposta giusta per assicurarsi che i Paesi del Sud d’Europa imparassero la lezione. In questo modo, invece di spingere per aumentare la spesa pubblica, hanno puntato l’indice verso i Paesi indebitati e sono state approvate politiche fiscali restrittive. Così ci siamo ritrovati col Fiscal Compact, che ha esacerbato la situazione economica in tutta Europa. Sfortunatamente, tutti ora dovremo imparare questa lezione di cattiva politica economica, dato che non solo siamo sprofondati ancora di più in recessione, ma la relazione debito-PIL è aumentata del 5% dall’anno scorso.

euro-area-government-debt-to-gdp

Ciò di cui abbiamo bisogno ora è spendere risorse nei settori che ci renderanno più forti e ricchi nel lungo periodo. Al contrario, in tutti i Paesi con problemi finanziari abbiamo tagliato con una mannaia i budget per l’educazione e le risorse rinnovabili, congelato i fondi per le infrastrutture di cui avremmo un gran bisogno e aumentato le tasse su tutto ciò che si muove. Non usciremo mai da questa crisi finché non capiremo la lezione di Keynes e lavoreremo verso una più ampia integrazione politica ed economica. Voglio che la mia generazione sia quella degli Stati Uniti d’Europa.