Home » Posts tagged 'e-democracy'

Tag Archives: e-democracy

House of Cards-like Italian Presidential Elections – House of Cards non è niente a confronto di queste elezioni del Quirinale!

The Presidential election has been one of the most unbelievable moments in recent Italian politics. And that says it all already. Everything took place in a House of Cards scenario, filled with conspiracy and internal power struggles.

The Democratic Party (PD) had an apparently easy task, namely accept the challenge to vote for Five Star Movement’s candidate, Stefano Rodotà (a highly respected personality in Italian politics, who also “belongs” to the Left). This would have finally led to the convergence of  PD and Five Star Movement for the creation of a Government that the vast majority of Left-wing and Five Star Movement’s constituents have hoped for since the elections.

For the presidential elections, PD should have followed two simple principles: 1) pick a candidate that was not perceived to belong to the “old politics” (Italians are clearly fed up with old political executives seen as corrupt and detached from social problems); 2) find a candidate that could have been supported by Five Star in primis (and all other parties in secundis) thereby opening up for the creation of a “government for change.” Five Star, in practice, served PD the perfect candidate on a silver plate, in order to attempt this convergence.

We ended up, however, with the opposite: 1) it’s the first time in the history of the Italian Republic that an incumbent President is elected for a second term; 2) the convergence with the Five Star for a “government of change” is impossible under this President, and PD paved the way for another anachronistic, irrational, an despised government with Berlusconi, which is emblematic of the lack of will to change, and at the same time, represents the “pact for salvation of the Second Republic.”

But how did we get to this point? Why did PD opt for self-destruction during the election of the President of the Republic? It is true that the original sin is all in the hands of PD’s executive group and their idiotic choice of a candidate, Marini, in search for the formation of a government with Berlusconi, Monti, and the League of the North. Marini’s candidacy, obviously, divided the party internally and drove off SEL- the other party in the Center-left coalition that voted for Rodotà during all turns except the fourth, where it backed PD’s candidate Prodi. Unbelievable mistake.

At the same time, however, Renzi (the young PD leader that lost the primaries against Bersani before the elections) did not indicate a clear direction out of this mess. Renzi and his followers did not vote for Rodotà (like SEL did) and didn’t even indicate a strong alternative to Marini that could have followed principles 1) and 2) above by proposing, for example, Emma Bonino. Scalfarotto, an MP belonging to Renzi’s faction, said he did not vote for Rodotà because he was Five Star’s candidate and was selected through an online system of direct democracy that clashed against the principles of representative democracy. Nonsense. Actually, bullshit.

Rodotà was mentioned as a potential Prime Minister in case Bersani did not succeed in gaining the confidence vote in the Parliament (as he didn’t), and he’s also seen favorably by PD’s constituents, many other powerful members of PD, and the overall base of the party. Second, even if what Scalfarotto says is true, why didn’t Renzi propose a strong alternative for change (as Emma Bonino)? Why did they only divert their votes towards candidates that clearly wouldn’t have been supported neither by the rest of the party nor by the rest of the coalition, and not even by other political parties (see Chiamparino), to end up supporting Napolitano’s second term?

It seems clear to me that Renzi seized the day to strike the final hit to the old executives of the party, in a very Frank Underwood-type conspiracy. Prodi (PD’s candidate at the fourth turn, and founding father of PD) didn’t receive the necessary votes to be elected by various factions within PD and I suspect one of these, at least partially, is Renzi’s (although this is just my speculation, as the President is voted with a secret ballot). The unexpected result of the fourth turn shook up PD so hard that Bersani (the current leader) and Bindi (the PD’s national assembly leader) resigned. Renzi struck his target perfectly and landed a huge success (for his future position within the party). The political debacle, therefore, is not only a responsibility of PD’s old executives, but also young leaders that prefer to follow their own agendas within the party to gain power, instead of driving the forces of change for the Nation.

I believe this is probably the end of PD. The stigma of belonging to “old politics” and hamper change is now a label very difficult to shake off, despite the fact that the base of the party, the group of Young Dems, and many other powerful personalities within PD have declared themselves for Rodotà since the very beginning, and against any kind of deal with Berlusconi, Monti, and League of the North. Grillo comes out of these Presidential elections like a statesman (although he said Napolitano’s re-election was “a coup d’état”) and the Left turns out to be one more time a powder-keg. For the sequel, we have to wait for the second season of House of Cards.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Le elezioni del Quirinale sono state uno dei momenti più incredibili della politica italiana degli ultimi anni. Il che rende già l’idea della pazzia che abbiamo raggiunto. Il tutto si è svolto in uno scenario alla House of Cards- la celebre serie sulla politica americana con Kevin Spacey, piena di complotti e trame per la scalata al potere.

Il PD aveva un compito apparentemente semplice, raccogliere la sfida della candidatura di Rodotà e dare il via ad un governo di cambiamento. Il PD doveva seguire due facili linee di principio per questa elezione: 1) candidare qualcuno che non fosse percepito come appartenente alla vecchia politica, una figura di alto profilo; 2) trovare un candidato che potesse essere condiviso con l’M5S in primis (e tutte le altre forze in secundis), in modo tale da poter cercare la convergenza verso un governo di cambiamento. L’M5S, in pratica, ha dato al PD la pappa pronta.

Siamo finiti, invece, con l’opposto: 1) la prima volta nella storia repubblicana di una rielezione del Presidente della Repubblica; 2) il completo allontanamento dalla possibilità di un governo di cambiamento con l’M5S e l’apertura verso un’ anacronistica, irrazionale, odiatissima opzione di “larghe intese” o più palesemente “patto per la salvaguardia della casta”.

Ma come si è potuti arrivare a questo punto? Come è riuscito il PD ad autodistruggersi durante l’elezione del Presidente? Se a prima vista sembrava un errore madornale della dirigenza PD nel candidare Marini, la questione è molto più profonda. E’ vero che il peccato originale è tutto nelle mani della dirigenza che, completamente slegata dalla realtà, dalla base del PD e del Paese, ha spaccato il partito con la candidatura di Marini per cercare il consenso di PDL, SC e Lega alla ricerca di quel patto odiatissimo con il centro-destra. Errore gravissimo.

Allo stesso tempo, però, i giovani del PD non hanno dato segnali chiari di cambiamento. Non hanno preso una posizione netta o dichiarato di votare per Rodotà (come SEL) e nemmeno hanno proposto un’alternativa forte che seguisse i principi 1) e 2), per esempio proponendo Emma Bonino. Basta guardare ciò che scrive il renziano Scalfarotto su Huffpost. In pratica, afferma di non aver votato Rodotà perché era il candidato del M5S ed è stato votato attraverso un sistema, quello delle “quirinarie” apparentemente conflittuale col sistema rappresentativo. Si arrampica sugli specchi. Anzi, chiamiamo le cose per quello che sono: stronzate. Ammesso che quello che dice Scalfarotto sia vero, come mai i renziani, allora, non hanno proposto una candidatura alternativa nel segno del cambiamento, ma si sono appiattiti su candidature di circostanza (vedi Chiamparino) e hanno poi appoggiato la ricandidatura di Napolitano?

Mi sembra chiaro che Renzi abbia colto l’occasione per compiere l’ultimo assalto alla dirigenza PD, alla Frank Underwood in House of Cards. Prodi è stato impallinato da varie correnti e penso che, almeno parzialmente, i renziani non siano stati proprio così compatti come dicono nel votare Prodi. E il risultato è arrivato: le dimissioni di Bindi e Bersani. La debacle politica, quindi, non è solo responsabilità della vecchia dirigenza PD, ma anche dei giovani leader che seguono le proprie logiche e agende interne al partito, invece di farsi portavoce del cambiamento per il Paese.

Come molti, immagino che sia la pietra tombale per il PD. Lo stigma della casta è ormai marchiato a fuoco, nonostante la base, i Giovani Democratici ed altri esponenti di rilievo del PD si siano dichiarati fin dall’inizio a favore del cambiamento, contro qualsiasi ipotesi di accordo con PDL-Lega-SC. Grillo esce da queste elezioni come uno statista (nonostante abbia gridato al golpe in riferimento alla rielezione di Napolitano) e la Sinistra si è nuovamente polverizzata. Per il sequel, bisogna aspettare la seconda stagione di House of Cards.

Advertisements

E-democracy à l’italienne

Technology has permeated all social domains and dynamics. Politics has sheltered itself by hiding and erecting walls. Grillo has the merit of introducing the theme of the application of ICT to the political sphere. There are a lot of outcomes to this and also very significant- for instance, the role played by social media during the Arab Spring.

Do you remember the whole debate right before the elections because of the impossibility for a lot of Italians abroad (me included) to cast their votes? Well. A very simple e-voting system would have given voice to 25000 Italians. Is it possible that in 2013 we are able to send robots on Mars but we can’t make people express their votes via internet? In Estonia, the first e-voting took place in 2005. In Italy, in contrast, we are now starting issuing electronic IDs and I have to be fooled around- to use an euphemism- because the people that take a look at my current ID think that it’s a relic of some Eastern European former communist regime (no offense!).

That’s it? Not at all. E-democracy and e-government can be developed through several instruments whereby individuals can participate to public life. The Municipality of Florence, for instance, has done some steps forward with the introduction of statistics open source. Transparent-Gov is a far better example. The benefits are huge and include essentially a dramatic reduction of the administrative cost; an improvement in the accessibility of public services; and higher transparency in the management of public affairs. This is not little considering that our debt has passed the ceiling of 2000 billion euros and Italy ranks 72- along with Bosnia and Herzegovina and Sao Tomé & Principe- for level of corruption according to Transparency International.

Platforms like Liquid Feedback, of which we hear talking a lot among the grillinis, allow the creation of referendums in real time. As the developers write, Liquid Feedback can be seen as a proxy voting system, namely giving the chance to individuals to delegate their votes to others. In the case of Liquid Feedback, representatives would act like proxies for groups of people by establishing a direct communicative channel thereby obtaining legitimization in real time for the decision to be made. E-democracy, therefore, has the potential to redefine the boundaries between representative and direct democracy.

Let’s take a look at the grillino movement. In my opinion, there’s a significant divide between the 5 Star Movement (M5S) and the diarchy Grillo&Casaleggio. M5S has the potential to drastically change the way we do politics in Italy- as it already happens in other countries with the Pirate Party (that also exists in Italy but it’s overshadowed by M5S). E-democracy and e-government can seriously become the emblem of the Third Republic. Personally, I don’t believe that the whole institutional structure could be replaced by “e-institutions.” This is because I don’t believe that representative democracy can be substituted by e-democracy. I’m very much in favor, however, to digitalize as much as possible public services and functions (e-government) and introduce instruments of direct democracy to complement the representative function (e-democracy). But I’ll look at this more in-depth in another post.

Let’s get back to the point. The gap between M5S and Grillo&Casaleggio. As long as M5S will be tied up to the diarchy it will not burst out all its revolutionary potential. Grillo points out how extraordinary the internet panta rei is, an in fieri mellifluous non-place where power means sharing and everything belongs to everyone. Rhetoric. The contradiction within M5S are huge and it only takes a second by looking at Grillo’s blog to realize it. Yes, his blog, because in Italy e-democracy belongs to a private citizen. Let’s take a look at the Non-Charter of M5S.

Article 1: “[…] The “Registered Address” of “5 Star MoVement” coincides with the web address www.beppegrillo.it. Contacts with the MoVement are assured exclusively through the email address MoVimento5stelle@beppegrillo.it.”

Article 3: “The name of the 5 Star Movement is a registered trademark in the name of Beppe Grillo, the only rightful owner for the use of it” (I did the translation myself, so it might not be 100% accurate). In the 7 articles of the Non-Charter, the reference to “Beppe Grillo” appears 8 times considering his name, email, and blog- without taking into account his name in the symbol and two references in each page’s footnote. It’s clear that Grillo claims the “ownership” of the concept of e-democracy. It seems like he’s yelling: “I invented e-democracy!” in an identification between the Subject and E-Democracy that results very scary.

Federico Pistono, a member of M5S, has released a video published by the Huffington Post where he explains that there’s no democratic decision-making process at national level. Other members, Sabetta, Barillari, and Festa have developed a proposal for an Electronic Online Parliament of the 5 Star Movement. Clearly, a lot of members denounce the funnel-shaped structure of the movement where gallons of inputs and ideas enter, but only filtered screams of the owner-non-leader-yet-only-spokesperson come out. I imagine that this internal contradiction on the central tenet of e-democracy will bring about big tensions within the movement. However, the turning point will still have a long way to go if many (maybe the majority of) the militants remain anchored to the idea of “they’re all crap, let’s send them home” and leave the direction of the movement to Grillo&Casaleggio. From this point of view, the M5S just resembles one of the many leader-centered parties. Otherwise, why then- unlike other countries- the promoters of e-democracy in Italy did not follow the model of the Pirate Party? I suggest to compare the pirates’ charter with the grillinis’. In my opinion, there are two simple reasons why the Pirate Party did not have the same success in Italy. First of all, M5S was born as a protest to the establishment and has aggregated a lot of people that belonged to the pirates’ constituency. Secondly, we are just not able to manage ourselves yet. Historically, in Italy people usually go for strong leaders, those who put their names on top of party symbols. And I think Grillo is just part of an old cycle that repeats itself in a revisited fashion.

And “traditional parties”? They’re literally stuck watching oblivious. It’s completely true that they have no idea of the importance of e-democracy. The M5S has established a new standard in doing politics that can’t be ignored. Political and economic reforms aside, the challenge for traditional parties is all about the epistemology of e-democracy and e-government.

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

La tecnologia ha ormai permeato quasi tutti gli ambiti e le dinamiche della società. La politica si è finora salvata, nascondendosi e trincerandosi. Grillo ha il grandissimo merito di aver introdotto in Italia il tema dell’applicazione dell’Information and Communications Technology (ICT) al mondo della politica. I risvolti sono molti e davvero significativi. Si pensi, innanzitutto, al ruolo che i social media hanno giocato nella Primavera Araba.

Vi ricordate tutto il casino scatenatosi alle elezioni di pochi giorni fa per gli italiani all’estero che non hanno potuto votare (me compreso)? Bene. Un semplicissimo sistema di voto elettronico avrebbe dato voce a 25000 italiani. Ma io dico, è possibile che nel 2013 mandiamo robot su Marte e non riusciamo a far esprimere un voto via internet? In Estonia, il primo e-voting è avvenuto nel 2005. Noi invece oggi stiamo iniziando a introdurre le carte d’identità elettroniche e io mi devo sentire preso in giro- per usare un eufemismo- perché coloro che vedono la mia carta d’identità pensano che sia una reliquia di qualche regime comunista dell’Est dell’Europa (no offense!).

Tutto qui? Nemmeno per sogno. L’e-democracy e l’e-government possono essere sviluppati con tantissimi strumenti attraverso cui ogni singolo individuo può partecipare attivamente alla vita pubblica. Il Comune di Firenze, per esempio, ha fatto dei passi avanti con l’introduzione di dati e statistiche open source. Un esempio ben più strutturato è quello di Transparent-Gov. I benefici sono enormi e si tratta principalmente di una riduzione significativa dei costi di amministrazione e di un miglioramento nell’accessibilità ed erogazione dei servizi nonché di un incremento di trasparenza nella gestione della Cosa Pubblica. Direi che non è poco considerando che il debito ha sfondato il tetto dei 2000 miliardi di euro e siamo al 72 posto- insieme a Bosnia Herzegovina e Sao Tomé & Principe- per livello di corruzione secondo Transparency International.

Piattaforme come Liquid Feedback, di cui tanto si sente parlare nei circoli grillini, permettono in parole povere di creare referendum in tempo reale. Come scrivono gli stessi sviluppatori, Liquid Feedback può essere interpretato come un sistema di proxy voting, ovvero la possibilità di delegare il proprio voto ad un altro soggetto. Il meccanismo del proxy voting esiste già in diversi Paesi e in diverse forme. Nel caso di Liquid Feedback, il rappresentante agirebbe come proxy di un gruppo di persone stabilendo un canale comunicativo diretto e ottenendo legittimazione in tempo reale per le scelte da intraprendere. L’e-democracy ha quindi il potenziale di ridefinire i confini tra democrazia rappresentativa e democrazia diretta.

Guardiamo ora un attimo al movimento grillino. Il mio punto di vista è che ci sia uno scollamento significativo tra M5S e la diarchia Grillo&Casaleggio. L’M5S ha il potenziale per imprimere davvero una svolta rivoluzionaria nel fare politica in Italia- come già accade in altri Paesi con il Partito dei Pirati (che esiste anche in Italia, ma è nell’ombra a causa dell’M5S). La Terza Repubblica italiana può davvero iniziare all’insegna dell’e-democracy e dell’ e-government. Personalmente non credo che tutto l’assetto istituzionale possa essere sostituito da “e-istituzioni”. Questo perché non credo che la democrazia rappresentativa possa essere sostituita dalla e-democracy. Sono però favorevolissimo a digitalizzare quanto più possibile servizi e funzioni pubbliche (e-government) e introdurre strumenti di democrazia diretta per complementare la funzione rappresentativa (e-democracy). Ma approfondirò questo tema in un altro post.

Torniamo al punto. Il gap M5S-Grillo&Casaleggio. Finchè l’M5S non si slegherà dalla diarchia, il suo potenziale rivoluzionario non si sprigionerà. Grillo discute di quanto sia straordinario il panta rei della rete, un non-luogo mellifluo in fieri dove il potere è condivisione e tutto appartiene a tutti. Retorica. Le contraddizioni interne all’M5S sono enormi e basta guardare il blog di Grillo per rendersene conto. Sì, il suo blog, perché l’e-democracy, in Italia, è di proprietà di un singolo privato. Prendiamo il Non-Statuto dell’M5S.

Articolo 1: “[…] La “Sede” del “MoVimento 5 Stelle” coincide con l’indirizzo web www.beppegrillo.it. I contatti con il MoVimento sono assicurati esclusivamente attraverso posta elettronica all’indirizzo MoVimento5stelle@beppegrillo.it.”

Articolo 3: “Il nome del MoVimento 5 Stelle viene abbinato a un contrassegno registrato a nome di Beppe Grillo, unico titolare dei diritti d’uso dello stesso.” Nei 7 articoli del Non-Statuto, il riferimento a “Beppe Grillo”, tra nome, blog e email, appare 8 volte- senza contare i riferimenti nel simbolo dell’M5S e due altre volte per ogni pie’ di pagina. E’ evidente che Grillo rivendichi la “proprietà” del concetto di e-democracy. Sembra un altro dei suoi strilli a mo’ di Pippo Baudo “L’e-democracy l’ho inventata io!”, in un’identificazione tra Soggetto e E-Democracy che non può che far paura.

Federico Pistono, membro del M5S, ha rilasciato un video pubblicato da Huffington Post, in cui spiega che in realtà non c’è alcun processo democratico di decision-making nel movimento a livello nazionale. Altri esponenti del M5S, Sabetta, Barillari e Festa, hanno messo su una proposta di Parlamento Elettronico Online del Movimento 5 Stelle. E’ chiaro che molti denuncino la struttura ad imbuto del movimento, dove entrano litri di input di idee ed escono spruzzi di urla filtrati dal proprietario-non-leader-ma-portavoce-unico del movimento. Questa contraddizione interna sul concetto cardine dell’e-democracy immagino porterà grandissme tensioni all’interno del movimento. Se, però, molti (forse la maggioranza) dei militanti rimarrà ancorata all’idea del “fanno tutti schifo, mandiamoli tutti a casa” lasciando in pratica la direzione del movimento a Grillo&Casaleggio, allora la svolta non ci sarà. Da questo punto di vista, M5S mi sembra una replica di uno dei tanti partiti leaderistici. Altrimenti perché in Italia, a differenza degli altri Paesi, i promotori dell’e-democracy non hanno seguito il modello del Partito Pirata? Suggerisco di fare un confronto tra i documenti costitutivi dei pirati e quelli dei grillini. Secondo me i Pirati non hanno avuto lo stesso successo in Italia per due semplici motivi. Uno, M5S è nato principalmente come protesta all’establishment e ha aggregato molta gente nel bacino dei pirati. Due, non siamo ancora capaci ad autogestirci. Storicamente in Italia ci si affida alla figura del leader forte, quello che mette il suo nome sul simbolo del partito. E penso che Grillo sia solo parte di un vecchio ciclo storico che si ripete in maniera rivisitata.

E i “partiti tradizionali”? Stanno letteralmente a guardare. E’ verissimo che non hanno la minima idea della portata dell’e-democracy. L’M5S ha segnato un nuovo standard nella politica di tutti i giorni e non può essere ignorato. Riforme politico-economiche a parte, la sfida dei partiti è tutta sul terreno epistemologico dell’e-democracy e dell’e-government.