Home » Posts tagged 'Austerity'

Tag Archives: Austerity

Austerity is nonsense 101

© Chappatte in "NZZ am Sonntag" (Zurich) - from englishblog.com

© Chappatte in “NZZ am Sonntag” (Zurich) – from englishblog.com

Advertisements

Krugman vs Alesina and the Italian Stalemate – Krugman contro Alesina e l’impasse italiano

What is the economic policy of the new Italian government? I bet no one can answer this question. On the one hand, the Democratic Party (PD)-or at least some of the ministers- emphasize the importance of cutting taxes on the labor market in order to boost employment. On the other hand, B (that just stands for Berlusconi since it’s hard to believe the existence of a structural party behind him) is obsessed with the repeal of IMU (a tax introduced by Monti on real estate). The problem is that PD and B are sitting at the same table, the Government. Both, however, stress the importance of maintaining the promises made to the EU (i.e. keeping the budget in order, whatever it takes) but at the same time say we need more investments to shake up the real economy.

Well, guess what? The two policies are mutually exclusive, especially in times of crisis. We either expand spending or we cut it. We either choose Keynesian economics or we go for Austerity. This choice mirrors the debate going on between Paul Krugman and Alberto Alesina, the first being of course the Keynesian and the second the Austerian from Bocconi. Krugman criticizes Alesina and Ardagna’s paper arguing that there is no evidence that spending cuts lead to economic expansion. In the Euro area, indeed, austerity has produced the situation in the graph below:

Alesina, in turn, replied Krugman saying “My paper has never claimed that every fiscal adjustment is expansionary. It just claimed that there have been examples in which some well-designed policy packages, based on spending cuts and other measures, have been associated with a positive impact on the economy.”

As I already pointed out in my previous post, the bottom line stays the same: it’s the boom, not the slump the right time for austerity. We all know how badly Italian governments have blown up taxpayers money for the past 30 years or more, and how much money ends up in corruption. I do believe there are sectors where spending must be cut (one example above all, eliminating provinces, a useless administrative layer that sucks money and makes our infamous bureaucratic system even slower).

Yet, do we really think that lying off thousands of people right now will help boosting our economy and keep our budget in order? With an unemployment rate at 11,5% and a big credit crunch, our priority is creating employment and this is why we need more spending now. The US went that way and they are getting out of this mess. We, in Europe, are falling even deeper into it.

So what is the incumbent government doing for our economy? Absolutely nothing. First of all because of its inherent weakness (Left and Right can hardly agree on what the recipe should be, assuming they have any idea about what should be done at all). Second, because we don’t have the guts (and the credibility, since the rest of Europe laughs at us seeing Berlusconi once again) to renegotiate the Fiscal Compact within the EU.

The priorities of our politicians are clearly different. While PD proposes to ban “movements” from running for the next elections (clearly targeting the Five Stars Movement), the Five Stars can’t discuss anything else than how much their own elected MPs should spend for lunch or dinner; B, of course, has a more compelling priority in times of crisis and proposes to halve the term of imprisonment for the people charged with association with the Mafia. This will definitely help restore our economy. 

——————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Qual è la politica economica del governo Italiano? Scommetto che nessuno abbia una risposta a questa domanda. Da un lato, il PD⎯o almeno alcuni ministri⎯mettono al centro la questione della riduzione delle tasse sul lavoro al fine di sostenere l’occupazione. Dall’altro lato, B (perchè tanto è inutile di parlare di PDL dato che non c’è alcuna struttura partitica dietro di lui) è ossessionato con l’abolizione dell’IMU. Il problema è che PD e B sono seduti allo stesso tavolo, il Governo. Entrambi, tuttavia, sottolineano l’importanza di mantenere le promesse fatte all’UE (tenere i conti in ordine, a qualsiasi costo) ma allo stesso tempo dicono che abbiamo bisogno di più investimenti per dare una spinta all’economia reale.

Ebbene, indovina un po’? Le due politiche sono alternative l’una all’altra, specialmente in tempi di crisi. O aumentiamo la spesa o la tagliamo. O scegliamo una politica economica keynesiana o continuiamo con l’austerità. Questa scelta rispecchia il dibattito tra Paul Krugman e Alberto Alesina, il primo naturalmente rappresentante di Keynes e il secondo dell’austerità bocconiana. Krugman critica un paper di Alesina e Ardagna affermando che non ci sono dati empirici a testimoniare che tagli della spesa corrispondano a crescita economica. Nell’area euro, infatti, la politica di austerità ha prodotto la situazione del grafico qui sotto:

Alesina, allo stesso tempo, risponde a Krugman dicendo “Il mio paper non ha mai affermato che ogni misura fiscale porta crescita economica. Dice solo che ci sono esempi dove pacchetti politici ben strutturati, basati su tagli della spesa, hanno un impatto positivo sull’economia.”

Come ho già descritto in un post precedente, la morale della favola è sempre la stessa: il boom economico, non la recessione, è il tempo appropriato per l’austerità. Tutti noi sappiamo come i governi italiani abbiano sperperato denaro pubblico negli ultimi 30 anni o più e quant’altro denaro sia stato mangiato dalla corruzione. Anch’io credo che si debbano fare dei tagli (un esempio su tutti, le province).

Ma siamo sicuri che licenziando migliaia di persone proprio in questo momento di crisi possa aiutare la ripresa economica? Con un tasso di disoccupazione all’11,5% e in una situazione di ristrettezza del credito, la priorità è creare occupazione ed è per questo che dobbiamo aumentare la spesa adesso. Gli USA hanno preso questa strada e stanno uscendo dalla crisi. Noi, in Europa, ci stiamo sempre più dentro fino al collo.

Quindi, cosa sta facendo il nostro governo per l’economia? Assolutamente niente. Prima di tutto a causa della sua debolezza interna (Destra e Sinistra difficilmente troveranno un accordo sulla ricetta, ammesso che abbiano alcuna idea di cosa si debba fare). Secondo, perché non abbiamo gli attributi (e la credibilità, dato che ci ridono dietro in tutta Europa vedendo ancora una volta Berlusconi) di rinegoziare il Fiscal Compact a livello europeo.

Le priorità dei nostri politici sono chiaramente diverse. Mentre il PD cerca di mettere al bando i “movimenti” (ostacolando chiaramente l’M5S), l’M5S è tutto rinchiuso nella sua discussione su quanto debbano spendere per pranzo e per cena i propri eletti in Parlamento. B, naturalmente, ha un’idea ben chiara delle priorità del Paese e propone di dimezzare la pena detentiva per il concorso esterno in associazione mafiosa. Questo sì che aiuterà l’economia del nostro Paese. 

It’s the Liquidity Trap, Baby! Mario Draghi and the Credit Crunch – E’ la trappola della liquidità, bellezza! Mario Draghi e la ristrettezza del credito

Yesterday, Mario Draghi said he’s working to make sure the money provided by the ECB to banks ends up in the real economy. Recalling what I have already discussed in one of my previous posts (A Suicidal Europe) on the Euro Crisis, this news is just another example of why the monetary policy itself failed to get us out of this mess.

So, textbook explanation goes like this: in times of crisis, Central Banks provide funds to banks, which in turn provide loans to companies facing financial problems. The economy starts to recover, but the rate of inflation increases as a result of pumping new money into the economy. Now, how does the ECB decide the optimal level of money (by cutting the interest rate) to pour into the economy? This decision is a trade-off with the level of “acceptable” inflation.

Article 127 of The Treaty on the Functioning of the European Union clearly states that the main objective of the ECB is to maintain price stability. Moreover, the threshold that the ECB sets out as level of “acceptable inflation” is 2% (see p 81). So, basically the ECB regulates the interest rate in function of the attainment of 2% inflation rate in the medium run.

How come today despite the fact that the ECB has slashed the interest rate to unprecedented low (0.75%) the economy is not recovering, companies are not getting the much needed funds from banks, and the inflation rate is decreasing instead of skyrocketing?

Because, we are in a situation of liquidity trap! In other words, the textbook mechanism described above went haywire. The ECB has, indeed, provided funds to banks, but banks don’t lend out to companies thereby exacerbating the credit crunch. This is because banks are worried about the solvency of troubled companies and find more profitable to buy government bonds or to hoard liquidity for rainy days. This is also explains the descending trend of inflation: the funds provided to banks by the ECB do not end up in the real economy, so the money in circulation does not expand.

Ironically, Germany&Co- as I came to define the group of pro-austerity nations- see lowering levels of inflation as a positive thing. As pointed out in Mercantilism, Austerity Psychosis, and the Need for a Stronger ECB, our problem today is not inflation but deflation and the graph demonstrates that we might be heading that way. We have to get used to the idea of having higher levels of “acceptable inflation” in the medium term and turn the equation upside down: the interest rate, and so the rate of inflation, has to be established in function of the level of employment and economic growth, not vice versa.

I really hope Draghi figures something out quickly to ease the credit crunch. I also have another idea that would throw money immediately and more efficiently into the real economy: a fiscal stimulus centered on government spending that provides oxygen to our agonizing economy!

————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Ieri Mario Draghi ha detto che sta lavorando per assicurarsi che i fondi forniti dalla BCE alle banche finiscano nell’economia reale. Riprendendo ciò che ho già discusso in uno dei miei post precedenti (L’istinto suicida europeo) sulla crisi dell’Euro, questa notizia non è che un altro esempio di come la politica monetaria da sola abbia fallito nel tirarci fuori da questa terribile situazione.

Allora, una tipica spiegazione da manuale di economia dice: in tempi di crisi, le banche centrali forniscono fondi alle banche, che, a loro volta, concedono fondi a società che affrontano gravi problemi finanziari. L’economia comincia a risollevarsi, ma il tasso d’inflazione aumenta in seguito all’aver pompato nuovo denaro nell’economia. Ora, come fa la BCE a decidere il livello ottimale di moneta (tagliando il tasso d’interesse) da riversare nell’economia? La decisione è frutto di un compromesso con il livello “accettabile” di inflazione.

L’articolo 127 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea afferma chiaramente che l’obiettivo principale della BCE è di mantenere stabile il livello dei prezzi. Inoltre, la soglia che la BCE stabilisce come livello “accettabile” di inflazione è 2%. In pratica, la BCE regola il tasso d’interesse in funzione del raggiungimento di un’inflazione al 2% nel medio termine.

Come mai oggi, nonostante la BCE abbia tagliato il tasso d’interesse ad un livello senza precedenti (0.75%), l’economia non dà segni di ripresa, le imprese non riescono ad ottenere i fondi di cui hanno tanto bisogno e il tasso d’inflazione è il calo invece di essere schizzato in orbita?

Perché ci troviamo in una situazione di trappola della liquidità! In altre parole, il meccanismo del tipico testo di economia è andato in tilt. La BCE ha, infatti, fornito fondi alle banche, ma queste ultime non hanno fatto prestito alle imprese, aggravando così la condizione di ristrettezza del credito. Ciò avviene perché le banche sono preoccupate della solvibilità di imprese con problemi finanziari e quindi preferiscono comprare titoli di stato o accumulare liquidità per periodi di vacche magre (o meglio magrissime). Questo spiega anche il trend in discesa del tasso d’inflazione: i fondi della BCE non arrivano all’economia reale e quindi la quantità di moneta in circolazione non aumenta.

Paradossalmente, Germania&Co- come ho definito il gruppo di nazioni pro-austerità- vedono positivamente il livello di inflazione al ribasso. Come ho scritto nel mio post precedente, Mercantilismo, psicosi da austerità e la necessità di una più forte BCE, il nostro problema oggi non è l’inflazione ma la deflazione e, come mostra il grafico, sembra che quella possa essere la direzione verso cui siamo diretti. Dobbiamo abituarci all’idea di avere un livello di inflazione “accettabile” più alto almeno nel medio periodo e capovolgere l’equazione: il tasso d’interesse, e quindi l’inflazione, deve essere stabilito in funzione del livello di occupazione e crescita, e non viceversa.

Spero che Draghi trovi in fretta una soluzione per risolvere il problema della ristrettezza del credito. Io ho un’altra idea che fornirebbe fondi immediatamente e più efficientemente nell’economia reale: uno stimolo fiscale incentrato sulla spesa che darebbe ossigeno alla nostra agonizzante economia!

Mercantilism, Austerity Psychosis, and the Need for a Stronger ECB – Mercantilismo, psicosi da austerità e la necessità di una più forte BCE

from: fairandunbalancedblog.blogspot.com

This post is the second of a series on the European economic crisis. In the previous post I pointed out one of the reasons why the EU failed to respond to the crisis and I advocated for the development of a common European fiscal policy.

I also briefly discussed the flawed approach to the crisis pushed by Germany&Co, and I’d like to go a little bit more in depth here. Let’s start with two facts: 1) Germany runs a neo-mercantilist policy, namely it concentrates its economic growth on export capacities at the detriment of domestic consumption; 2) Germany’s core trade partners are European countries, with 57% of all goods delivered to the member states of the European Union. This policy automatically creates trade imbalances for the other European countries. The figure below illustrates German exports’ growth and the concomitant increase of periperical countries’ trade deficits, namely the so called GIPSI (Greece, Ireland, Portugal, Spain, and Italy).

Export

The German mercantilism is evidently an unsustainable economic policy at European level, inasmuch as German surpluses are other countries’ deficits. Unfortunately, the advocates for austerity favored another version that considered GIPSI’s fiscal troubles as the essential cause of the European crisis. Figure 2, however, shows us that the trend of debt-to-GDP ratios in GIPSI countries was stable until 2008, the year in which it actually exploded.

debt-to-GDP

As Paul Krugman puts it in End This Depression Now!:

“So here’s Europe’s Big Delusion: it’s the belief that Europe’s crisis was essentially caused by fiscal irresponsibility. Countries ran excessive budget deficits, the story goes, getting themselves too deep into debt- and the important thing now is to impose rules that will keep this from ever happening again. […] As a result, the problem of dealing with the crisis is often couched in moral terms: nations are in trouble because they have sinned, and they must redeem themselves through suffering.”

This is not to neglect the importance of domestic debt for which serious measures need to be taken (just not during a period of crisis, but rather during booms). What I want to point out here is the weaknesses in the German&Co approach to solve the crisis. Besides pushing for austerity measures, Germany has also criticized Mario Draghi, the President of the ECB, when he announced that he would have bought an unlimited amount of government bonds to reassure the markets and lower the borrowing cost for GIPSI.

Along with the absence of a European fiscal policy the lack of a lender of last resort is, indeed, the second major weakness of the European system. But why did Germany oppose Draghi? Again, because of the German austerity psychosis. German representatives affirmed that these interventions would have brought high inflation. Because of the historical legacy of hyperinflation that occurred in the 1920s, Germans tend to see inflation even when there isn’t any trace of it. The danger today is indeed the opposite and much more troublesome, namely deflation. In times of crisis (as I have already pointed out in the previous post) demand goes down, investments go down, and therefore consumption go down. This downward spiral brings prices down, not up, and results in years of stagnation.

So far Germany has reaped the benefits of the EMU. It’s time to understand the monetarist policy is unsustainable for the rest of the members of the Union. What is the way out? First of all, again, develop a common fiscal policy and launch a fiscal stimulus in lieu of austerity measures. Second, give more power to the ECB in order to let it act as a lender of last resort (more similar to the Fed) and accept the idea of having somewhat higher levels of inflation at least in the short term (instead of raising the interest rate in the midst of a crisis because of the inflation paranoia). Third, countries with large trade surpluses should increase their demands for imports from countries with high deficits, so to adjust trade imbalances.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

Questo post è il secondo di una serie sulla crisi economica europea. Nel post precedente, ho descritto una delle ragioni per cui l’UE non è riuscita a rispondere alla crisi e mi sono espresso a favore dello sviluppo di una politica fiscale europea.

Ho anche discusso brevemente la debolezza dell’approccio di Germania&Co, e toccherò quest’aspetto un po’ più dettagliatamente in questo post. Incominciamo da due fatti: 1) la Germania conduce una politica neo-mercantilista, ovvero punta alla crescita economica concentrando le capacità produttive nell’export a discapito del consumo interno; 2) I principali partner commerciali tedeschi sono i Paesi membri dell’UE, che ricevono il 57% dell’export tedesco. Questa politica crea automaticamente squilibri commerciali negli altri Paesi europei. Il grafico qui sotto illustra la crescita dell’export tedesco e la concomitante crescita dei deficit commerciali nei Paesi della periferia, ovvero i cosiddetti GIPSI (Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Italia).

Export

Il mercantilismo tedesco è evidentemente insostenibile a livello europeo, in quanto il surplus tedesco corrisponde al deficit degli altri Paesi. Sfortunatamente, i promotori dell’austerità hanno invece preferito dare un’altra versione della crisi, considerando i problemi fiscali dei GIPSI come la causa essenziale dei problemi europei. Il secondo grafico, però, mostra che il trend del rapporto debito-PIL nei GIPSI è rimasto stabile fino al 2008, l’anno in cui è invece esploso.

debt-to-GDP

Come descrive Paul Krugman in Fuori da questa crisi, adesso!:

“Ecco qui la Grande Delusione europea: è la convinzione che la crisi sia stata causata essenzialmente da politiche fiscali irresponsabili. La storiella ci dice che i Paesi hanno mantenuto livelli di deficit fiscali troppo alti e si sono ritrovati con debiti troppo elevati. La cosa importante, ora, è imporre regole in modo tale che situazioni del genere non succedano mai più. […] Il risultato è che questi problemi vengono spesso trattati da un punto di vista morale: i Paesi sono nei guai perché hanno peccato e quindi devono redimersi attraverso la sofferenza”.

Con questo non intendo negare l’importanza del debito nazionale per cui ci vogliono misure serie (ma non durante un periodo di crisi, bensì di boom economico). Ciò che voglio dimostrare qui è la velleità con cui Germania&Co tentano di risolvere la crisi. A parte promuovere politiche di austerità, la Germania ha criticato Mario Draghi, il Presidente della BCE, nel momento in cui aveva annunciato di voler comprare illimitatamente titoli di Stato per rassicurare i mercati e ridurre lo spread dei GIPSI.

Insieme all’assenza di una politica fiscale europea, la mancanza di un “prestatore di ultima istanza” è infatti la seconda maggiore debolezza del sistema europeo. Ma perché la Germania s’è opposta a Draghi? Ancora una volta, a causa della sua psicosi da austerità: i rappresentanti tedeschi hanno affermato che tali interventi avrebbero portato ad alti livelli di inflazione. Il retaggio storico dell’iperinflazione degli anni Venti, porta i tedeschi a vedere inflazione anche dove non ce n’è traccia. Il pericolo oggi è infatti l’opposto ed anche più critico, ovvero la deflazione. In periodi di crisi (come ho già descritto nel post precedente) la domanda decresce, gli investimenti scendono e i consumi si riducono. Questa spirale verso il basso porta i prezzi in giù, non in su, e il risultato sono anni di stagnazione.

Finora la Germania ha beneficiato dell’ UME. E’ arrivato il momento di capire che la politica neo-mercantilistica non è sostenibile per il resto dei membri dell’Unione. Qual è la via d’uscita? Prima di tutto, ancora una volta, sviluppare una politica fiscale comune e lanciare un programma di stimoli fiscali abbandonando l’austerità. Secondo, dare più poteri alla BCE per permettere di agire come un “prestatore di ultima istanza” (più simile alla Federal Reserve) e accettare l’idea di avere livelli di inflazione un po’ più alti almeno nel breve periodo (invece di alzare i tassi di interesse nel bel mezzo di una crisi a causa della paranoia per l’inflazione). Terzo, i Paesi con surplus commerciali dovrebbero incrementare la domanda per import da parte dei Paesi con alti deficit, in modo da riequilibrare la bilancia commerciale.

A suicidal Europe – L’istinto suicida europeo

“The boom, not the slump, is the time for austerity.” This is what John Maynard Keynes tried to teach us over 70 years ago, and we still don’t seem to have understood it at all. And when I say “we” I mean Europeans. Yes, because on the other side of the Atlantic Obama passed in 2009 the American Recovery and Reinvestment Act (ARRA), a stimulus plan of approximately $862 billion, while in Europe The Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union, better known as Fiscal Compact, entered into force on January 1.

But, let’s proceed in order. According to Keynes, an economic crisis can be killed with two weapons, monetary policy and fiscal policy. The former is in the hand of central banks, which normally expands the monetary base by cutting interest rates. In other words, central banks in the attempt to revive a stagnant economy lend money to banks (or better they buy bonds from banks) postulating that banks will throw this money back into the economy by providing funds to companies that find themselves in tight financial conditions. The latter is in the hand of governments, which could take advantage of the low interest rates to take out loans and shake up the sluggish economy. In this way the government would boost employment in the short-term and could take the opportunity to address the country’s long-term structural problems, by investing in education, public infrastructures, and renewable resources, for example.

The U.S. and EU found themselves into a liquidity trap. As Nobel laureate Paul Krugman puts it in End This Depression Now:

“Liquidity trap: it’s what happens when zero [interest rate] isn’t low enough, when the Fed has saturated the economy with liquidity to such an extent that there’s no cost holding more cash, yet overall demand remains low.”

Current interest rates in the U.S. and EU are at 0.25% and 0.75% respectively. Unemployment rate in Euro area has skyrocketed reaching 11.9% in January 2013. In contrast, in the U.S., unemployment has decreased to 7.7% in February 2013. Also, the U.S. has re-started growing while EU growth has plunged into recession. So what happened? Well, when Obama figured out that the first weapon, namely monetary policy, was out of ammo, he loaded up the second weapon and shot out a fiscal stimulus.

united-states-unemployment-rate

euro-area-gdp-growth-annual

united-states-gdp-growth

Europe is in a different position as the EU has a monetary union but not a fiscal union. Krugman clearly explains the situation as follows:

“Think of Spain as being Europe’s Florida, Ireland as being Europe’s Nevada. But the Florida legislature doesn’t have to worry about coming up with the funds to pay for Medicare and Social Security, which are paid for by federal government. Spain is on its own, as are Greece, Portugal, and Ireland. So in Europe the depressed economy has caused fiscal crises, in which private investors are no longer willing to lend to a number of countries.”

So how did EU leaders react? Well, they loaded up the fiscal gun, but they pointed it towards themselves. The bottom line for that is the complete lack of a common EU vision. Countries in good economic shape (with Germany leading the way) started wondering, “why should we use our own taxpayers money to save countries that are not able to manage their economies?” Clearly, we are not the United States of Europe. And that is exactly the problem. The argument supported by Germany&Co pushed to look at austerity as the good answer to make sure Southern European countries would get the lesson. So instead of arguing for more spending, they finger pointed troubled countries and went for tight fiscal policy. This is how we ended up with the Fiscal Compact, which is exacerbating the economic situation all across Europe. Unfortunately, we will all have to learn from this wrong economic policy since not only we are in far deeper recession, but the debt-to-GDP ratio has also increased by 5% since last year.

euro-area-government-debt-to-gdp

What we need now is spending money into sectors that will make us stronger and better-off in the long-run. In contrast, in all countries facing financial problems we have been slashing budgets for education and renewable resources, freezing money for much-needed infrastructures and raising taxes on anything that moves. We will just never get out of this crisis until we don’t understand Keynes’ very basic lesson and work towards higher political and economic integration. I want my generation to be the one of the United States of Europe.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

“Il boom economico, non la recessione, è il momento per l’austerità”. Questo è ciò che John Maynard Keynes ha cercato di insegnarci più di 70 anni fa e che sembra non abbiamo ancora per niente capito. E quando dico “abbiamo” intendo noi europei. Sì, perché sull’altra sponda dell’Atlantico, Obama ha approvato nel 2009 l’American Recovery and Reinvestment Act (ARRA), un piano di stimolo economico di circa $862 miliardi, mentre in Europa The Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic Monetary Union- meglio noto come Fiscal Compact- è entrato in vigore l’1 gennaio.

Ma procediamo per ordine. Secondo Keynes, una crisi economica può essere uccisa con due armi, la politica monetaria e la riforma fiscale. La prima è nella mani della Banca Centrale che normalmente espande la base monetaria tagliando il tasso d’interesse. In altre parole, le banche centrali nel tentativo di rivitalizzare l’economia stagnante prestano soldi alle banche (o meglio comprano i loro bonds) postulando che le banche inietteranno questi soldi nell’economia fornendo risorse alle società che si trovano in condizione di ristrettezze finanziare. La seconda è nelle mani dei governi, che possono avvantaggiarsi dei bassi tassi d’interesse per prendere a prestito capitali necessari a dare una scossa all’economia. In questo modo i governi imprimerebbero una spinta significativa alla creazione di nuovi posti di lavoro nel breve periodo e potrebbero cogliere l’occasione per affrontare i problemi economici strutturali investendo in educazione, infrastrutture e risorse rinnovabili, per esempio.

Gli USA e l’UE erano nella stessa situazione di trappola di liquidità. Nel suo ultimo libro, Fuori da questa crisi, adesso!, il premio Nobel per l’Economia, Paul Krugman, descrive il concetto come segue:

“Trappola di liquidità: è ciò che succede quando zero [riferito al tasso d’interesse] non è abbastanza basso, quando la Federal Reserve ha saturato l’economia di liquidità a tal punto che non c’è nessun costo nel tenere denaro liquido, ma nel frattempo il livello di domanda rimane basso”.

Attualmente, i tassi d’interesse di USA e UE sono rispettivamente a 0.25% e 0.75%. Il tasso di disoccupazione in area Euro è partito in orbita raggiungendo l’11.9% a gennaio 2013. Al contrario, in America il tasso di disoccupazione è sceso al 7.7% a febbraio 2013. Inoltre, negli USA l’economia è tornata a crescere, mentre in Europa è precipitata in recessione, sotto zero. Che cosa è successo quindi? Ebbene, quando Obama ha capito che la sua prima arma, la politica monetaria, aveva esaurito le pallottole, ha caricato la seconda e ha sparato lo stimolo fiscale.

united-states-unemployment-rate

euro-area-gdp-growth-annual

united-states-gdp-growth

L’Europa si trova in una posizione diversa in quanto l’UE ha un’unione monetaria, ma non una fiscale. Krugman spiega chiaramente la situazione come segue:

“Pensa alla Spagna come se fosse la Florida, l’Irlanda come il Nevada. Il corpo legislativo della Florida non si deve preoccupare di trovare i fondi per l’assistenza sanitaria o per il sistema previdenziale perché sono di competenza del governo federale. La Spagna, invece, è sola [nel dover trovare tali risorse], così come la Grecia, il Portogallo e l’Irlanda. Così in Europa l’economia depressa ha causato crisi fiscali, in cui investitori privati non se la sentono più di prestare soldi ad un certo numero di Paesi”.

Come hanno reagito i leader europei? Beh, hanno caricato la pistola fiscale, ma l’hanno puntata verso di sé. La morale della favola è che c’è una completa assenza di visione comune europea. I Paesi europei “in forma” (con la Germania in testa) hanno incominciato a chiedersi “perché dovremmo usare i soldi delle nostre tasse per salvare Paesi che non sanno come gestire le proprie economie?” Come è evidente, non siamo gli Stati Uniti d’Europa. E questo è esattamente il problema. La tesi sostenuta da Germania&Co ha portato a vedere nell’austerità la risposta giusta per assicurarsi che i Paesi del Sud d’Europa imparassero la lezione. In questo modo, invece di spingere per aumentare la spesa pubblica, hanno puntato l’indice verso i Paesi indebitati e sono state approvate politiche fiscali restrittive. Così ci siamo ritrovati col Fiscal Compact, che ha esacerbato la situazione economica in tutta Europa. Sfortunatamente, tutti ora dovremo imparare questa lezione di cattiva politica economica, dato che non solo siamo sprofondati ancora di più in recessione, ma la relazione debito-PIL è aumentata del 5% dall’anno scorso.

euro-area-government-debt-to-gdp

Ciò di cui abbiamo bisogno ora è spendere risorse nei settori che ci renderanno più forti e ricchi nel lungo periodo. Al contrario, in tutti i Paesi con problemi finanziari abbiamo tagliato con una mannaia i budget per l’educazione e le risorse rinnovabili, congelato i fondi per le infrastrutture di cui avremmo un gran bisogno e aumentato le tasse su tutto ciò che si muove. Non usciremo mai da questa crisi finché non capiremo la lezione di Keynes e lavoreremo verso una più ampia integrazione politica ed economica. Voglio che la mia generazione sia quella degli Stati Uniti d’Europa.