Home » 2013 » April

Monthly Archives: April 2013

House of Cards-like Italian Presidential Elections – House of Cards non è niente a confronto di queste elezioni del Quirinale!

The Presidential election has been one of the most unbelievable moments in recent Italian politics. And that says it all already. Everything took place in a House of Cards scenario, filled with conspiracy and internal power struggles.

The Democratic Party (PD) had an apparently easy task, namely accept the challenge to vote for Five Star Movement’s candidate, Stefano Rodotà (a highly respected personality in Italian politics, who also “belongs” to the Left). This would have finally led to the convergence of  PD and Five Star Movement for the creation of a Government that the vast majority of Left-wing and Five Star Movement’s constituents have hoped for since the elections.

For the presidential elections, PD should have followed two simple principles: 1) pick a candidate that was not perceived to belong to the “old politics” (Italians are clearly fed up with old political executives seen as corrupt and detached from social problems); 2) find a candidate that could have been supported by Five Star in primis (and all other parties in secundis) thereby opening up for the creation of a “government for change.” Five Star, in practice, served PD the perfect candidate on a silver plate, in order to attempt this convergence.

We ended up, however, with the opposite: 1) it’s the first time in the history of the Italian Republic that an incumbent President is elected for a second term; 2) the convergence with the Five Star for a “government of change” is impossible under this President, and PD paved the way for another anachronistic, irrational, an despised government with Berlusconi, which is emblematic of the lack of will to change, and at the same time, represents the “pact for salvation of the Second Republic.”

But how did we get to this point? Why did PD opt for self-destruction during the election of the President of the Republic? It is true that the original sin is all in the hands of PD’s executive group and their idiotic choice of a candidate, Marini, in search for the formation of a government with Berlusconi, Monti, and the League of the North. Marini’s candidacy, obviously, divided the party internally and drove off SEL- the other party in the Center-left coalition that voted for Rodotà during all turns except the fourth, where it backed PD’s candidate Prodi. Unbelievable mistake.

At the same time, however, Renzi (the young PD leader that lost the primaries against Bersani before the elections) did not indicate a clear direction out of this mess. Renzi and his followers did not vote for Rodotà (like SEL did) and didn’t even indicate a strong alternative to Marini that could have followed principles 1) and 2) above by proposing, for example, Emma Bonino. Scalfarotto, an MP belonging to Renzi’s faction, said he did not vote for Rodotà because he was Five Star’s candidate and was selected through an online system of direct democracy that clashed against the principles of representative democracy. Nonsense. Actually, bullshit.

Rodotà was mentioned as a potential Prime Minister in case Bersani did not succeed in gaining the confidence vote in the Parliament (as he didn’t), and he’s also seen favorably by PD’s constituents, many other powerful members of PD, and the overall base of the party. Second, even if what Scalfarotto says is true, why didn’t Renzi propose a strong alternative for change (as Emma Bonino)? Why did they only divert their votes towards candidates that clearly wouldn’t have been supported neither by the rest of the party nor by the rest of the coalition, and not even by other political parties (see Chiamparino), to end up supporting Napolitano’s second term?

It seems clear to me that Renzi seized the day to strike the final hit to the old executives of the party, in a very Frank Underwood-type conspiracy. Prodi (PD’s candidate at the fourth turn, and founding father of PD) didn’t receive the necessary votes to be elected by various factions within PD and I suspect one of these, at least partially, is Renzi’s (although this is just my speculation, as the President is voted with a secret ballot). The unexpected result of the fourth turn shook up PD so hard that Bersani (the current leader) and Bindi (the PD’s national assembly leader) resigned. Renzi struck his target perfectly and landed a huge success (for his future position within the party). The political debacle, therefore, is not only a responsibility of PD’s old executives, but also young leaders that prefer to follow their own agendas within the party to gain power, instead of driving the forces of change for the Nation.

I believe this is probably the end of PD. The stigma of belonging to “old politics” and hamper change is now a label very difficult to shake off, despite the fact that the base of the party, the group of Young Dems, and many other powerful personalities within PD have declared themselves for Rodotà since the very beginning, and against any kind of deal with Berlusconi, Monti, and League of the North. Grillo comes out of these Presidential elections like a statesman (although he said Napolitano’s re-election was “a coup d’état”) and the Left turns out to be one more time a powder-keg. For the sequel, we have to wait for the second season of House of Cards.

——————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Le elezioni del Quirinale sono state uno dei momenti più incredibili della politica italiana degli ultimi anni. Il che rende già l’idea della pazzia che abbiamo raggiunto. Il tutto si è svolto in uno scenario alla House of Cards- la celebre serie sulla politica americana con Kevin Spacey, piena di complotti e trame per la scalata al potere.

Il PD aveva un compito apparentemente semplice, raccogliere la sfida della candidatura di Rodotà e dare il via ad un governo di cambiamento. Il PD doveva seguire due facili linee di principio per questa elezione: 1) candidare qualcuno che non fosse percepito come appartenente alla vecchia politica, una figura di alto profilo; 2) trovare un candidato che potesse essere condiviso con l’M5S in primis (e tutte le altre forze in secundis), in modo tale da poter cercare la convergenza verso un governo di cambiamento. L’M5S, in pratica, ha dato al PD la pappa pronta.

Siamo finiti, invece, con l’opposto: 1) la prima volta nella storia repubblicana di una rielezione del Presidente della Repubblica; 2) il completo allontanamento dalla possibilità di un governo di cambiamento con l’M5S e l’apertura verso un’ anacronistica, irrazionale, odiatissima opzione di “larghe intese” o più palesemente “patto per la salvaguardia della casta”.

Ma come si è potuti arrivare a questo punto? Come è riuscito il PD ad autodistruggersi durante l’elezione del Presidente? Se a prima vista sembrava un errore madornale della dirigenza PD nel candidare Marini, la questione è molto più profonda. E’ vero che il peccato originale è tutto nelle mani della dirigenza che, completamente slegata dalla realtà, dalla base del PD e del Paese, ha spaccato il partito con la candidatura di Marini per cercare il consenso di PDL, SC e Lega alla ricerca di quel patto odiatissimo con il centro-destra. Errore gravissimo.

Allo stesso tempo, però, i giovani del PD non hanno dato segnali chiari di cambiamento. Non hanno preso una posizione netta o dichiarato di votare per Rodotà (come SEL) e nemmeno hanno proposto un’alternativa forte che seguisse i principi 1) e 2), per esempio proponendo Emma Bonino. Basta guardare ciò che scrive il renziano Scalfarotto su Huffpost. In pratica, afferma di non aver votato Rodotà perché era il candidato del M5S ed è stato votato attraverso un sistema, quello delle “quirinarie” apparentemente conflittuale col sistema rappresentativo. Si arrampica sugli specchi. Anzi, chiamiamo le cose per quello che sono: stronzate. Ammesso che quello che dice Scalfarotto sia vero, come mai i renziani, allora, non hanno proposto una candidatura alternativa nel segno del cambiamento, ma si sono appiattiti su candidature di circostanza (vedi Chiamparino) e hanno poi appoggiato la ricandidatura di Napolitano?

Mi sembra chiaro che Renzi abbia colto l’occasione per compiere l’ultimo assalto alla dirigenza PD, alla Frank Underwood in House of Cards. Prodi è stato impallinato da varie correnti e penso che, almeno parzialmente, i renziani non siano stati proprio così compatti come dicono nel votare Prodi. E il risultato è arrivato: le dimissioni di Bindi e Bersani. La debacle politica, quindi, non è solo responsabilità della vecchia dirigenza PD, ma anche dei giovani leader che seguono le proprie logiche e agende interne al partito, invece di farsi portavoce del cambiamento per il Paese.

Come molti, immagino che sia la pietra tombale per il PD. Lo stigma della casta è ormai marchiato a fuoco, nonostante la base, i Giovani Democratici ed altri esponenti di rilievo del PD si siano dichiarati fin dall’inizio a favore del cambiamento, contro qualsiasi ipotesi di accordo con PDL-Lega-SC. Grillo esce da queste elezioni come uno statista (nonostante abbia gridato al golpe in riferimento alla rielezione di Napolitano) e la Sinistra si è nuovamente polverizzata. Per il sequel, bisogna aspettare la seconda stagione di House of Cards.

Advertisements

It’s the Liquidity Trap, Baby! Mario Draghi and the Credit Crunch – E’ la trappola della liquidità, bellezza! Mario Draghi e la ristrettezza del credito

Yesterday, Mario Draghi said he’s working to make sure the money provided by the ECB to banks ends up in the real economy. Recalling what I have already discussed in one of my previous posts (A Suicidal Europe) on the Euro Crisis, this news is just another example of why the monetary policy itself failed to get us out of this mess.

So, textbook explanation goes like this: in times of crisis, Central Banks provide funds to banks, which in turn provide loans to companies facing financial problems. The economy starts to recover, but the rate of inflation increases as a result of pumping new money into the economy. Now, how does the ECB decide the optimal level of money (by cutting the interest rate) to pour into the economy? This decision is a trade-off with the level of “acceptable” inflation.

Article 127 of The Treaty on the Functioning of the European Union clearly states that the main objective of the ECB is to maintain price stability. Moreover, the threshold that the ECB sets out as level of “acceptable inflation” is 2% (see p 81). So, basically the ECB regulates the interest rate in function of the attainment of 2% inflation rate in the medium run.

How come today despite the fact that the ECB has slashed the interest rate to unprecedented low (0.75%) the economy is not recovering, companies are not getting the much needed funds from banks, and the inflation rate is decreasing instead of skyrocketing?

Because, we are in a situation of liquidity trap! In other words, the textbook mechanism described above went haywire. The ECB has, indeed, provided funds to banks, but banks don’t lend out to companies thereby exacerbating the credit crunch. This is because banks are worried about the solvency of troubled companies and find more profitable to buy government bonds or to hoard liquidity for rainy days. This is also explains the descending trend of inflation: the funds provided to banks by the ECB do not end up in the real economy, so the money in circulation does not expand.

Ironically, Germany&Co- as I came to define the group of pro-austerity nations- see lowering levels of inflation as a positive thing. As pointed out in Mercantilism, Austerity Psychosis, and the Need for a Stronger ECB, our problem today is not inflation but deflation and the graph demonstrates that we might be heading that way. We have to get used to the idea of having higher levels of “acceptable inflation” in the medium term and turn the equation upside down: the interest rate, and so the rate of inflation, has to be established in function of the level of employment and economic growth, not vice versa.

I really hope Draghi figures something out quickly to ease the credit crunch. I also have another idea that would throw money immediately and more efficiently into the real economy: a fiscal stimulus centered on government spending that provides oxygen to our agonizing economy!

————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Ieri Mario Draghi ha detto che sta lavorando per assicurarsi che i fondi forniti dalla BCE alle banche finiscano nell’economia reale. Riprendendo ciò che ho già discusso in uno dei miei post precedenti (L’istinto suicida europeo) sulla crisi dell’Euro, questa notizia non è che un altro esempio di come la politica monetaria da sola abbia fallito nel tirarci fuori da questa terribile situazione.

Allora, una tipica spiegazione da manuale di economia dice: in tempi di crisi, le banche centrali forniscono fondi alle banche, che, a loro volta, concedono fondi a società che affrontano gravi problemi finanziari. L’economia comincia a risollevarsi, ma il tasso d’inflazione aumenta in seguito all’aver pompato nuovo denaro nell’economia. Ora, come fa la BCE a decidere il livello ottimale di moneta (tagliando il tasso d’interesse) da riversare nell’economia? La decisione è frutto di un compromesso con il livello “accettabile” di inflazione.

L’articolo 127 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea afferma chiaramente che l’obiettivo principale della BCE è di mantenere stabile il livello dei prezzi. Inoltre, la soglia che la BCE stabilisce come livello “accettabile” di inflazione è 2%. In pratica, la BCE regola il tasso d’interesse in funzione del raggiungimento di un’inflazione al 2% nel medio termine.

Come mai oggi, nonostante la BCE abbia tagliato il tasso d’interesse ad un livello senza precedenti (0.75%), l’economia non dà segni di ripresa, le imprese non riescono ad ottenere i fondi di cui hanno tanto bisogno e il tasso d’inflazione è il calo invece di essere schizzato in orbita?

Perché ci troviamo in una situazione di trappola della liquidità! In altre parole, il meccanismo del tipico testo di economia è andato in tilt. La BCE ha, infatti, fornito fondi alle banche, ma queste ultime non hanno fatto prestito alle imprese, aggravando così la condizione di ristrettezza del credito. Ciò avviene perché le banche sono preoccupate della solvibilità di imprese con problemi finanziari e quindi preferiscono comprare titoli di stato o accumulare liquidità per periodi di vacche magre (o meglio magrissime). Questo spiega anche il trend in discesa del tasso d’inflazione: i fondi della BCE non arrivano all’economia reale e quindi la quantità di moneta in circolazione non aumenta.

Paradossalmente, Germania&Co- come ho definito il gruppo di nazioni pro-austerità- vedono positivamente il livello di inflazione al ribasso. Come ho scritto nel mio post precedente, Mercantilismo, psicosi da austerità e la necessità di una più forte BCE, il nostro problema oggi non è l’inflazione ma la deflazione e, come mostra il grafico, sembra che quella possa essere la direzione verso cui siamo diretti. Dobbiamo abituarci all’idea di avere un livello di inflazione “accettabile” più alto almeno nel medio periodo e capovolgere l’equazione: il tasso d’interesse, e quindi l’inflazione, deve essere stabilito in funzione del livello di occupazione e crescita, e non viceversa.

Spero che Draghi trovi in fretta una soluzione per risolvere il problema della ristrettezza del credito. Io ho un’altra idea che fornirebbe fondi immediatamente e più efficientemente nell’economia reale: uno stimolo fiscale incentrato sulla spesa che darebbe ossigeno alla nostra agonizzante economia!

Mercantilism, Austerity Psychosis, and the Need for a Stronger ECB – Mercantilismo, psicosi da austerità e la necessità di una più forte BCE

from: fairandunbalancedblog.blogspot.com

This post is the second of a series on the European economic crisis. In the previous post I pointed out one of the reasons why the EU failed to respond to the crisis and I advocated for the development of a common European fiscal policy.

I also briefly discussed the flawed approach to the crisis pushed by Germany&Co, and I’d like to go a little bit more in depth here. Let’s start with two facts: 1) Germany runs a neo-mercantilist policy, namely it concentrates its economic growth on export capacities at the detriment of domestic consumption; 2) Germany’s core trade partners are European countries, with 57% of all goods delivered to the member states of the European Union. This policy automatically creates trade imbalances for the other European countries. The figure below illustrates German exports’ growth and the concomitant increase of periperical countries’ trade deficits, namely the so called GIPSI (Greece, Ireland, Portugal, Spain, and Italy).

Export

The German mercantilism is evidently an unsustainable economic policy at European level, inasmuch as German surpluses are other countries’ deficits. Unfortunately, the advocates for austerity favored another version that considered GIPSI’s fiscal troubles as the essential cause of the European crisis. Figure 2, however, shows us that the trend of debt-to-GDP ratios in GIPSI countries was stable until 2008, the year in which it actually exploded.

debt-to-GDP

As Paul Krugman puts it in End This Depression Now!:

“So here’s Europe’s Big Delusion: it’s the belief that Europe’s crisis was essentially caused by fiscal irresponsibility. Countries ran excessive budget deficits, the story goes, getting themselves too deep into debt- and the important thing now is to impose rules that will keep this from ever happening again. […] As a result, the problem of dealing with the crisis is often couched in moral terms: nations are in trouble because they have sinned, and they must redeem themselves through suffering.”

This is not to neglect the importance of domestic debt for which serious measures need to be taken (just not during a period of crisis, but rather during booms). What I want to point out here is the weaknesses in the German&Co approach to solve the crisis. Besides pushing for austerity measures, Germany has also criticized Mario Draghi, the President of the ECB, when he announced that he would have bought an unlimited amount of government bonds to reassure the markets and lower the borrowing cost for GIPSI.

Along with the absence of a European fiscal policy the lack of a lender of last resort is, indeed, the second major weakness of the European system. But why did Germany oppose Draghi? Again, because of the German austerity psychosis. German representatives affirmed that these interventions would have brought high inflation. Because of the historical legacy of hyperinflation that occurred in the 1920s, Germans tend to see inflation even when there isn’t any trace of it. The danger today is indeed the opposite and much more troublesome, namely deflation. In times of crisis (as I have already pointed out in the previous post) demand goes down, investments go down, and therefore consumption go down. This downward spiral brings prices down, not up, and results in years of stagnation.

So far Germany has reaped the benefits of the EMU. It’s time to understand the monetarist policy is unsustainable for the rest of the members of the Union. What is the way out? First of all, again, develop a common fiscal policy and launch a fiscal stimulus in lieu of austerity measures. Second, give more power to the ECB in order to let it act as a lender of last resort (more similar to the Fed) and accept the idea of having somewhat higher levels of inflation at least in the short term (instead of raising the interest rate in the midst of a crisis because of the inflation paranoia). Third, countries with large trade surpluses should increase their demands for imports from countries with high deficits, so to adjust trade imbalances.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

Questo post è il secondo di una serie sulla crisi economica europea. Nel post precedente, ho descritto una delle ragioni per cui l’UE non è riuscita a rispondere alla crisi e mi sono espresso a favore dello sviluppo di una politica fiscale europea.

Ho anche discusso brevemente la debolezza dell’approccio di Germania&Co, e toccherò quest’aspetto un po’ più dettagliatamente in questo post. Incominciamo da due fatti: 1) la Germania conduce una politica neo-mercantilista, ovvero punta alla crescita economica concentrando le capacità produttive nell’export a discapito del consumo interno; 2) I principali partner commerciali tedeschi sono i Paesi membri dell’UE, che ricevono il 57% dell’export tedesco. Questa politica crea automaticamente squilibri commerciali negli altri Paesi europei. Il grafico qui sotto illustra la crescita dell’export tedesco e la concomitante crescita dei deficit commerciali nei Paesi della periferia, ovvero i cosiddetti GIPSI (Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Italia).

Export

Il mercantilismo tedesco è evidentemente insostenibile a livello europeo, in quanto il surplus tedesco corrisponde al deficit degli altri Paesi. Sfortunatamente, i promotori dell’austerità hanno invece preferito dare un’altra versione della crisi, considerando i problemi fiscali dei GIPSI come la causa essenziale dei problemi europei. Il secondo grafico, però, mostra che il trend del rapporto debito-PIL nei GIPSI è rimasto stabile fino al 2008, l’anno in cui è invece esploso.

debt-to-GDP

Come descrive Paul Krugman in Fuori da questa crisi, adesso!:

“Ecco qui la Grande Delusione europea: è la convinzione che la crisi sia stata causata essenzialmente da politiche fiscali irresponsabili. La storiella ci dice che i Paesi hanno mantenuto livelli di deficit fiscali troppo alti e si sono ritrovati con debiti troppo elevati. La cosa importante, ora, è imporre regole in modo tale che situazioni del genere non succedano mai più. […] Il risultato è che questi problemi vengono spesso trattati da un punto di vista morale: i Paesi sono nei guai perché hanno peccato e quindi devono redimersi attraverso la sofferenza”.

Con questo non intendo negare l’importanza del debito nazionale per cui ci vogliono misure serie (ma non durante un periodo di crisi, bensì di boom economico). Ciò che voglio dimostrare qui è la velleità con cui Germania&Co tentano di risolvere la crisi. A parte promuovere politiche di austerità, la Germania ha criticato Mario Draghi, il Presidente della BCE, nel momento in cui aveva annunciato di voler comprare illimitatamente titoli di Stato per rassicurare i mercati e ridurre lo spread dei GIPSI.

Insieme all’assenza di una politica fiscale europea, la mancanza di un “prestatore di ultima istanza” è infatti la seconda maggiore debolezza del sistema europeo. Ma perché la Germania s’è opposta a Draghi? Ancora una volta, a causa della sua psicosi da austerità: i rappresentanti tedeschi hanno affermato che tali interventi avrebbero portato ad alti livelli di inflazione. Il retaggio storico dell’iperinflazione degli anni Venti, porta i tedeschi a vedere inflazione anche dove non ce n’è traccia. Il pericolo oggi è infatti l’opposto ed anche più critico, ovvero la deflazione. In periodi di crisi (come ho già descritto nel post precedente) la domanda decresce, gli investimenti scendono e i consumi si riducono. Questa spirale verso il basso porta i prezzi in giù, non in su, e il risultato sono anni di stagnazione.

Finora la Germania ha beneficiato dell’ UME. E’ arrivato il momento di capire che la politica neo-mercantilistica non è sostenibile per il resto dei membri dell’Unione. Qual è la via d’uscita? Prima di tutto, ancora una volta, sviluppare una politica fiscale comune e lanciare un programma di stimoli fiscali abbandonando l’austerità. Secondo, dare più poteri alla BCE per permettere di agire come un “prestatore di ultima istanza” (più simile alla Federal Reserve) e accettare l’idea di avere livelli di inflazione un po’ più alti almeno nel breve periodo (invece di alzare i tassi di interesse nel bel mezzo di una crisi a causa della paranoia per l’inflazione). Terzo, i Paesi con surplus commerciali dovrebbero incrementare la domanda per import da parte dei Paesi con alti deficit, in modo da riequilibrare la bilancia commerciale.